Skip to content

Tempo di crisi

Tassi alti e polizze stratosferiche – Viaggio nel credito che non c’è più

A me sembra che questa storia della crisi la stiano cavalcando in molti. Anche chi non ti aspetteresti.
La cavalcano le grandi aziende per giustificare tagli e licenziamenti che sarebbe stato difficile far passare altrimenti.
La cavalcano tutti coloro che vogliono mascherare la loro inefficienza, incapacità, mancanza di coraggio, mancanza di onestà, avidità, mancanza di adattamentento alle mutate situazioni.

Vocazione naturale

Migliaia, milioni di individui lavorano, producono e risparmiano nonostante tutto quello che noi possiamo inventare per molestarli, incepparli, scoraggiarli.
È la vocazione naturale che li spinge; non soltanto la sete di guadagno. Il gusto, l’orgoglio di vedere la propria azienda prosperare, acquistare credito, ispirare fiducia a clientele sempre più vaste, ampliare gli impianti, costituiscono una molla di progresso altrettanto potente che il guadagno.
Se così non fosse, non si spiegherebbe come ci siano imprenditori che nella propria azienda prodigano tutte le loro energie ed investono tutti i loro capitali per ritirare spesso utili di gran lunga più modesti di quelli che potrebbero sicuramente e comodamente ottenere con altri impieghi.
Luigi Einaudi (1960)

Il successo di Zara | Il Post

Questo vuol dire che se i clienti mostrano entusiasmo per un particolare capo d’abbigliamento o accessorio la Inditex può recapitare quell’articolo o una sua variante nei negozi di Londra, Tokyo o San Paolo nel giro di tre settimane. La società invia articoli nuovi nei punti vendita almeno due volte a settimana: in questo modo il ricambio della merce in esposizione è costante.

Questa scelta ha influenzato moltissimo il comportamento dei consumatori: se decidi di comprare un articolo di un marchio che ha collezioni stagionali sai per certo che puoi trovarlo nei negozi da ottobre fino a febbraio, mentre se trovi qualcosa che ti interessa da Zara sai che c’è il rischio che dopo una settimana quella cosa non ci sia più. Dato che è lì e soprattutto costa poco, tanto vale comprarla.

Il successo di Zara | Il Post.

Le dieci cose che abbiamo imparato nel nostro primo anno da startupper

Timbuktu - iPad magazine for children

Un anno fa, di questi tempi, ci arrivò una mail nella quale si annunciava che eravamo tra i vincitori di Mind the Bridge: eravamo state ammesse alla Business Gym di San Francisco per un mese e da lì poi avremmo partecipato alla finale dell’Italian Innovation Day.

Sono successe un sacco di cose da quel giorno. Ci siamo trasferite a San Francisco, abbiamo partecipato a 500startups, abbiamo raccolto il nostro primo seed round, abbiamo costruito un team vero e abbiamo lanciato la nuova Timbuktu (a proposito, mi raccomando scaricatela e lasciateci una bella review!).

Abbiamo fatto tantissimi errori e, per fortuna, continuiamo a farne, ma abbiamo anche imparato un sacco di cose. Quindi ci è venuta voglia di condividere con voi le più importanti, quelle che per noi hanno fatto la differenza.

fonte: Le dieci cose che abbiamo imparato nel nostro primo anno da startupper.

9 uses for cURL worth knowing | httpkit | Tools for hacking on HTTP

Working with HTTP from the command-line is a valuable skill for HTTP architects and API designers to have. The cURL library and curl command give you the ability to design a Request, put it on the pipe, and explore the Response. The downside to the power of curl is how much breadth its options cover. Running curl --help spits out 150 different flags and options. This article demonstrates nine basic, real-world applications of curl.

In this tutorial we’ll use the httpkit echo service as our end point. The echo server’s Response is a JSON representation of the HTTP request it receives.

see on 9 uses for cURL worth knowing | httpkit | Tools for hacking on HTTP.